Categoria: Schegge di Londra

London.calling

Camden town

Per me i Clash sono Londra. E viceversa.Quando cammini per le strade respiri la loro musica. Non la ascolti solamente. Voglio dire, se chiedi a qualunque cristiano di accomunare Londra ad una band, ti dice Queen, o magari Beatles anche se sono di Liverpool. Invece no. Se ti perdi tra le strade meno battute di questa splendida città senti I Clash nell’aria e se presti ancora più attenzione sentirai anche sua maestà Marc Bolan, che se non sai chi cazzo sia sei pregato di andartelo a cercare. Sì, proprio tu che sti leggendo ascoltati Children of the Revolution al massimo del volume e vedri Londra. Oh, sì, la musica è meglio di una guida turistica. Cestina la tua Lonely Planet e lasciati guidare. Colonna sonora di attimi.

Mi ubriacavo di musica mentre il sole scendeva sul Tamigi e illuminava d’argento l’aqua torbida, mentre brividi di freddo mi attraversavano il corpo. Er la sera che bussava col suo vento gelido.

Chiudi gli occhi e ascolta Londra: è il rumore del traffico, è il vento tra le fronde degli alberi, sono lingue sconosciute che si sentono in lontananza, è Train in vain in loop, è I love to boogie mentre cammini per Portobello Road.

Profumo di spezie nell’aria. Calpesta l’erba di Kensington Garden al mattino, mentre il sole timido si affaccia al mondo. Peter pan volava su quel cielo, lo sapevi? Dillo ad alta voce, dì che credi nelle fate, o moriranno. Fallo per me. Fallo per loro. Sussurralo al sole nascente.

Londra chiama, anche oggi. Ascoltala.

Annunci